I 10 libri del cuore

leggere

Il nuovo “gioco” di Facebook: creare una lista di dieci libri, senza pensarci troppo, che abbiano lasciato qualcosa dentro di noi. Ho colto al volo la convocazione di due amiche ed eccomi a stilare la mia lista. Sarà divertente magari stilarla fra dieci anni e vedere cosa è cambiato. In questa ci sono libri che hanno segnato la mia vita da lettrice, o che mi sono rimasti nel cuore più di altri, non necessariamente che mi siano piaciuti più di qualunque altro. Sicuramente ne avrò dimenticati tanti, ma intanto questa è la mia lista (in ordine rigorosamente sparso e non di preferenza):

  1. I Racconta storie: raccolta di favole e storie in 26 fascicoli, narrate da signori attori, che io ascoltavo a 5 anni e mia figlia ascolta oggi con la stessa emozione
  2. It di Stephen King: mi ha assorbito e “distratto” in un periodo brutto della mia adolescenza, in cui perdevo una persona importante e non volevo pensarci
  3. Carne e sangue di Michael Cunningham: un libro che ha scavato un solco nel mio cuore, un libro che racconta il crollo di pregiudizi e sovrastrutture, con un incipit stupendo
  4. Open di Andre Agassi con J.R. Moehringer: un bel tuffo nel passato e i retroscena del mio “amore” folle da adolescente per Agassi e la scoperta di una bella persona
  5. Se questo è un uomo di Primo Levi: per la prima volta ho sentito la voce più vera, più “interna” e viscerale di una delle pagine più brutte scritte sui libri di storia
  6. Colloquio con giulio Einaudi di Severino Cesari: per me che amo profondamente l’editoria e le vere case editrici con tutte le persone che con amore le portano avanti, una lettura che mi ha emozionato fino alle lacrime, finendo di leggerlo, una mattina in metro
  7. L’erba canta di Doris Lessing: sono stata con una donna meravigliosa in una fattoria di tanto tempo fa e ho sentito forte il profumo di un’epoca raccontata veramente da Nobel
  8. Rughe di Paco Roca: quando le immagini riescono a raccontare più delle parole
  9. Stoner di John Williams: un libro modernissimo nonostante sia di un’epoca ormai lontana, dirompente nella sua semplicità, con uno dei personaggi più veri e vivi che ti viene di prenderlo per le spalle e scuoterlo mentre leggi
  10. Ruti vuole dormire di David Grossman: un libro che ho letto mille volte a e con mia figlia e che mi emoziona e commuove ogni volta con le sue piccole grandi storie quotidiane

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...