Libri che capitano: Prima o poi di Luca Piretta

lucapirettaLuca Piretta, Prima o poi, Aljon editrice (2013), 184 pagine, 14 euro

Ci sono libri che scegli, sbocconcelli in libreria, cerchi, compri. E ci sono libri che ti capitano per caso, come Prima o poi di Luca Piretta.

Conoscevo Luca come nutrizionista, medico, persona molto simpatica che frequentava Art Studio Café, il locale dove lavoro e dove il 27 giugno sarà ospite con il suo libro. Non lo avevo mai conosciuto nella sua veste di scrittore.
Lo so che chi ha letto fin qui è scettico… “Cos’ha a che vedere un medico con un romanzo d’amore e mistero?” vi starete chiedendo. Lecita domanda. Basterebbe però sentirgli raccontare, magari seduti a un tavolo con un cous cous (sano e con poco olio), del suo lavoro, dei suoi viaggi e dell’impulso che lo ha spinto a scrivere per intuire che potrebbe essere un bravo narratore.

Chi come me lavora anche con i libri, oltre che divorarli per puro piacere, non riesce a leggere una storia senza pensare allo stile, alla struttura, ai personaggi, allo sviluppo tecnico del romanzo.
Nel caso di Prima o poi la storia prende talmente il sopravvento sullo stile (comunque interessante, pulito e con tante figure, immagini, suggestioni su cui ti fermi e vai indietro a rileggere) che te la godi proprio.

E inizi a seguire questo ragazzino di vent’anni, Ignacio, che vive in un paese dell’America Latina (che la quarta di copertina identifica come l’Uruguay) e fra un viaggio sull’autobus numero 104 e una lezione all’università fa ciò che è consono a un adolescente: si innamora, si disinnamora, soffre, fa soffrire, fugge, scende a compromessi. Ignacio è un personaggio talmente vivo e passionale che non riesci nemmeno a dargli del bastardo quando inizia a flirtare con una bella ragazza subito dopo aver regalato un anello alla fidanzata ufficiale che non riesce a lasciare. Ignacio è il protagonista assoluto di questo romanzo; è un paravento, che con il suo faccino dolce (perché mentre leggi proprio te lo immagini) e i suoi modi delicati fa fesse le ragazze, i clienti della banca in cui inizia a lavorare, la madre e non ultimi i lettori, che fanno il tifo per lui, si preoccupano che non soffra, giustificano ogni sua “marachella”.

Ignacio ha a sua disposizione tante ragazze, e fra queste spicca Rebeca, l’unica che lo tiene sulla corda senza concedersi mai completamente; sarà forse questo il motivo che farà di lei il chiodo fisso e la passione che spingerà ovunque Ignacio in tutta la sua vita. Un sogno, un pensiero, una creatura ammaliatrice e misteriosa che guiderà il suo cammino.
Cammino che lo metterà di fronte a tante scelte importanti, che nel suo primo periodo non avrebbe mai preso in considerazione, prima fra tutte il trasferimento in Italia.
Stupisce la leggerezza con cui Ignacio parte, cambia vita; il suo istinto rimasto, nonostante l’età e il tempo più maturi, quello del ragazzino così come lo abbiamo conosciuto in apertura e che lo porta a scegliere sempre e comunque il meglio per sé. A costo di tradire, a costo di fare del male, a costo di dolori e rinunce.

Il suo edonismo lo farà uscire vincitore, e il lettore sarà soddisfatto e contento; a dimostrazione del fatto che nonostante tutto Ignacio ha conquistato anche lui.

Annunci

6 pensieri su “Libri che capitano: Prima o poi di Luca Piretta

  1. Anonimo ha detto:

    Ciao Fracesca, sono Guillermo amico uruguaiano di Luca e como lui anche medico.
    Mi ha piaciuto molto la tua critica del libro Prima e Poi e mi piacerebbe dire che a me mi ha fatto piangere di emozione. Un romanzo che provoca emozioni é senza dubbio buono. Scusa il mio italiano y como el libro tiene sus capitulos uruguayos en español yo termino este saludo comentario en mi lengua materna.
    Mis felicitaciones a Luca y mi saludo a tí Francesca por excelente enfoque que le diste a la crítica.
    Guillermo Vázquez
    Montevideo- Uruguay

  2. francesca giannetto ha detto:

    Grazie Guillermo, grazie anche (sono sicura) da parte di Luca.
    Anzi, stasera presentiamo qui in Art Studio il libro e mi sa proprio che gli farò una sorpresa e gli leggerò il tuo commento quando meno se lo aspetta…
    Un saluto e buone letture!

  3. Anonimo ha detto:

    grazie guillermo per il tuo messaggio. Francesca lo ha letto in diretta durante la presentazione ed è stato molto emozionante per Luca ma anche per me, e mamma e papà che eravamo tra il pubblico. sei sempre molto affettuoso e noi ti ricordiamo sempre! un abbraccio Paola.

    • Anonimo ha detto:

      Querida Paola pasa la vida y lo que queda son los sentimientos por eso hago énfasis en las emociones intensas que transmite Prima o Poi.
      Bacci
      Guillermo

  4. Milumelloni ha detto:

    Il libro mi è piaciuto moltissimo ,in modo particolare poiché ho trascorso anche io dodici anni in Uruguay,apprezzando il tipo di vita ,il carattere degli abitanti,il clima e quindi l’ho letto con tanta nostalgia.Si legge d’un fiato.bravo Luca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...