Bimbo chi legge – Serate favolose

Enciclopedia della favola. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni, editori riuniti (2002), 1102 pagine, euro 15,90 (ottimo rapporto qualità-prezzo)

Quando immaginavo di avere una bimba (o un bimbo) mi chiedevo come avrei trasmesso la voglia di leggere, l’amore per i libri, per le storie in quel piccolo essere. Poco prima della nascita della mia bimba, la cameretta era già piena di libri di favole, che immaginavo di leggerle per farla addormentare, libri di stoffa, che ha iniziato a succhiare (letteralmente) verso i tre mesi, libri pop up, che ancora adesso ignora.

A un certo punto le hanno regalato i  libri parlanti e mi si è aperto un mondo… di cui vorrei immediatamente chiudere la porta e chiedere “Chi è?” prima di riaprirla. I libri parlanti innanzitutto sono di plastica e non sono come gli audiolibri (secondo me in certi casi anche utili) e hanno pagine rigide che appena le sfogli emettono suoni di vario tipo. Per venire incontro alle mamme e ai papà, i produttori hanno almeno inserito una levetta per la regolazione del volume. Ma dovrebbero inserire anche una levetta per la regolazione dell’età di chi legge le filastrocche in questi aggeggi.
Mia figlia ne ha due: uno con i numeri e gli animali, con una voce dolce e femminile che canta i numeri e fa il verso degli animali; l’altro invece è un libro di filastrocche – anche carine, quelle classiche – cantate da un tizio che è un incrocio fra il clown di It e la bambola assassina.

Ora, premesso che ho sempre sognato di leggere le favole alla mia bimba e non lasciare che lo facesse per me un elettronico cinquantenne con le adenoidi che imita la voce di un bambino, ho dovuto fare i conti con il fatto che:
– per i primi 3 mesi di vita i bambini si addormentano praticamente solo se cullati/in braccio/sbatacchiati forte (non tutti, ma molti sì)
– tra i 3 e i 6 mesi sono piuttosto utili le canzoncine di ogni genere (la mia dormiva con la compilation Fratelli d’Italia-La Marsigliese-God save the Queen e in casi di emergenza Adeste Fideles)
– alcuni libri di favole sono terrificanti (bimbi abbandonati, galli sgozzati, mamme cattive, boschi con gli alberi che fanno scricchiolare le ossa dei bimbi) e non solo non fanno dormire i bimbi, ma fanno venire gli incubi alle mamme
ho aspettato un altro mese (adesso ne ha 7) e ho scelto L’Enciclopedia della favola a cura di Gianni Rodari. Un librone che solo per reggerlo mentre la pupa si dimena nella culla ti vengono i bicipiti e i deltoidi di Ray Mysterio, ma che piace ai piccoli e fa sognare le mamme. Sono raccolte 365 favole (una al giorno, ma non siate ottimisti, una non basta mai) provenienti da tutto il mondo, brevi, lunghe, con protagonisti umani o animali, storie fantastiche o racconti con la morale (ma di quelli non pedanti e petulanti). Ci sono anche i classici e ci sono alcune favole che stanno agli antipodi delle classiche e ne anticipano i temi.
Ci sono favole arabe, africane, cinesi; favole che hanno il sapore e le tradizioni di altre culture; favole che fanno un po’ paura e storie che fanno sorridere. Tutte ben impaginate e arricchite da bellissime illustrazioni, tutte disegnate con stili e tratti diversi.

Un libro talmente bello che non è strano vedere la mamma aandare avanti verso la fine della storia anche se la piciula ormai dorme beata da C’era una volta.

Annunci

8 pensieri su “Bimbo chi legge – Serate favolose

  1. monica mazzitelli ha detto:

    Questo post mi ha riempito di tenerezza.. bellissimo…
    Le favole sono fondamentali, anche o forse soprattutto quelle paurose, perché fanno emergere quello che cmq si annida in noi bambini, anche quando diventiamo adulti. Quando ancora speravo avrei avuto dei figli, mi ero innamorata di un libro famoso che consiglio a te e a tutti, di un famiso psicologo dell’età evolutiva: si chiama “Favole di identità” e l’autore è Bruno Bettelheim.. se ti capita, leggilo! ;o)
    Un bacio
    Monica

  2. francesca giannetto ha detto:

    grazie Dani per i link. Il primo è da perdersi, il secondo è una spinta in più a leggerle le favole la sera.
    Moniq, tu sei troppo tenera. Ho sentito parlare del libro di Bettelheim durante una conferenza sul rapporto genitori-figli, mi ripromettevo sempre di leggerlo, così per curiosità. Mi sa che prima o poi lo prendo!
    baci belle. E thanks for following 🙂

  3. RobertaP ha detto:

    Ciao e grazie, conosco Rodari, lo leggo spesso ai miei bimbi, ma non questo libro, lo cercherò! Consiglio sempre per i piccoli anche le favole di Leo Lionni, carinissime le storie e le illustrazioni.

  4. nicozbalboa ha detto:

    che meraviglia è quel libro!!!! ❤
    pero' io mi ricordo di averlo pagato di più…avrann fatto una versione economica?

  5. francesca giannetto ha detto:

    Roberta, magari la prossima volta che ci inviti a mangiare la tua meravigliosa lasagna lo porto io ai tuoi cuccioli.
    Nico, pensa che è comunque valsa la pena spenderci i soldini… quante serate ancora da passare 🙂 Troppo bello, anche le favole più crude hanno un che di magico. Speriamo che la mia Nico se lo ricordi quando sarà più grande

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...