Romano Montroni – Vendere l’anima

Laterza *Economica Laterza* (2010), 298 pagine, 11 euro

Vendere l’anima. Forse perché un libraio (o direttore di libreria, come lo è stato Romano Montroni alle Feltrinelli fino al 2000) nelle scelte che compie, nei libri che espone – e nel modo in cui lo fa – mette in esposizione i suoi gusti, la sua sensibilità, le sue passioni; la sua anima quindi, il cuore che batte verso il libro, oggetto prezioso e importante (e troppo spesso sottovalutato o vilipeso) mediatore culturale. Mette in esposizione la sua professionalità, la conoscenza del mercato, la richiesta del pubblico, reale e potenziale, che il libraio deve soddisfare e anzi, il più delle volte, indurre, suggerire, instillando curiosità, voglia di leggere e di scoprire.

Letto questo libro le reazioni, in ordine sparso, sono:
a) voglia di aprire una libreria e muoversi come bisce fra gli scaffali, con le braccia cariche di libri e il sorriso sempre pronto per i clienti
b) desiderio di iscriverti alla scuola per librai Umberto e Elisabetta Mauri
c) cercare Romano Montroni per mari e monti e, una volta trovato, abbracciarlo forte
d) guardare con occhio benevolo (o malevolo) alcuni librai, a prescindere dal megastore/piccola libreria in cui operano

In perfetto equilibrio fra una dichiarazione d’amore per il mestiere e un manuale che analizza l’entità libreria dal punto di vista commerciale ed economico, senza risparmiare termini tecnici ed equazioni che potrebbero suonare ostici se non motivati e spiegati da chi li conosce e quasi li ama, apre uno spiraglio di concretezza in un sogno che quasi tutti quelli che amano i libri hanno fatto ad occhi aperti almeno una volta nella vita.
Si parla di “ampiezza” e “profondità” di una libreria in termini di assortimento, di indici di profitto, distribuzione, resi, “economicità”, margini e flussi; ma anche dello spirito che dovrebbe animare un libraio, delle sue mansioni, dell’organizzazione pratica del lavoro (spolverare gli scaffali, per esempio, per tenere l’ambiente pulito, ma anche per conoscere la collocazione dei libri e “trovarli” in un attimo, pensare alla rotazione, dare importanza a quel titolo o quell’altro) e alla relazione con il pubblico, il personale, gli editori e i distributori.

Il libro si chiude con testimonianze, lettere, riflessioni di librai illustri, direttori di librerie, giornalisti, editor di grandi case editrici che si leggono con piacere e arricchiscono un volume che non può mancare fra gli scaffali dei book lovers, ma anche di chi voglia avvicinarsi al mestiere da un punto di vista più tecnico e professionale.

In foto, Romano Montroni all’interno di una delle librerie coop (www.librerie.coop), progetto che lui sostiene attivamente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...