(L)ode alla libreria Feltrinelli

Viale Giulio Cesare – Roma

Le librerie Feltrinelli le conosciamo tutti; io in particolare conosco bene quelle di Roma, ma non credo siano molto diverse da tutte le altre. Enormi, stra-fornite, sconti pazzeschi e raccolte punti molto allettanti. Ben organizzate, con scaffali di Novità, Libri consigliati, Saggistica, Autori sistemati in ordine alfabetico e quant’altro. E poi CD, DVD, libri di fotografia, guide, cucina… insomma, tutto, ma proprio tutto ciò che vuoi o potresti volere e anche la caffetteria, in alcune sedi.

Grandi, immense, stile supermercato. E non lo dico in senso spregiativo, anzi; credo che tutte le librerie hanno un’anima, dalla più piccola alla più avveniristica. In tutte batte il cuore di chi con passione sistema, spolvera, cerca, consiglia, indica, indirizza, lavora.

La Feltrinelli di viale Giulio Cesare ha però un cuore che batte più forte delle altre (intendo fra le “Grandi”); o forse batte come tutte le altre, ma si sente soltanto più forte perché c’è meno gente, meno “confusione” che alla Feltrinelli di Largo Argentina o di Mel Bookstore in Via Nazionale per esempio.

Io stamattina ho visto solo un ventricolo di quel cuore, ed è stato bello.
Due ragazzi che lavorano in Feltrinelli si sono fermati a chiacchierare di libri come se fossimo in un salotto, in una “piccola libreria” (perché in genere è quello che succede nelle piccole librerie più che nelle grandi e affollate). Come le barzellette quando inizi a raccontarle, da un libro ce ne veniva in mente un altro; opinioni, impressioni, consigli… bellissime chiacchiere su una passione condivisa nel posto più adatto per coltivarla e alimentarla.
Per me questo dovrebbe essere una libreria: un posto dove perderti fra ciò che ami e dove chi ha un panorama senza dubbio più ampio del tuo è in grado di metterti in mano un libro (in senso proprio fisico) e di “indurti” a comprarlo non per vendere, ma per condividere una cosa bella, anche tenendo conto di quello che leggi.

In fondo, che cosa c’è di meglio per un lettore che parlare di libri, toccare i libri, comprare i libri, guidata, accompagnata da chi lavora in mezzo alla carta con passione e competenza… e voglia di “perdere tempo” e allargare gli orizzonti di lettura a una malata di libri?

Aspettando di leggere “Il fondamentalista riluttante”, intanto ringrazio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...